Spettacolo di teatro e di musica – ” MOLIERE 400″

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

 

Sabato 28 maggio ore 17.30 -Spettacolo di teatro e di musica – ” MOLIERE 400″-  Teatrino Groggia, Parco Villa Groggia- Sant’Alvise, Cannaregio (VE)

Estratti dalle commedie Il Moliere di Carlo Goldoni e Le tartuffe di Molière e dalle Mémoires di Carlo Goldoni

interpretati da GIORGIO BERTAN
GIAMPIETRO ROSATO clavicembalo
TRIO D’ARCHI HARMONIAE
Musiche di Lully, Couperin, Vivaldi, Galuppi

L’attore Giorgio Bertan con il Trio d’archi Harmoniae e Giampietro Rosato al clavicembalo sono  gli interpreti di un omaggio al celebre commediografo francese, in occasione dei 400 anni dalla sua  nascita. Il loro tributo a Molière è concepito partendo da un punto di vista originale e prezioso,  quello di Carlo Goldoni, nella fattispecie della sua commedia intitolata proprio Il Moliere (nell’originale senza l’accento sulla penultima e), scritta nel 1751 e rappresentata per la prima volta  al Teatro Carignano di Torino il 28 agosto di quell’anno.

La versificazione del Moliere è meravigliosa, e si presta, grazie al ritmo teatrale incalzante, a raccontare una trama in cui le vicende private di Molière e gli intrighi amorosi nei quali si trova coinvolto si intrecciano alle difficoltà per portare il Tartufo sulla scena. Le fonti di cui si servì il commediografo veneziano sono la La Vie de M. de Molière di Jean-Léonor de Grimarest (pubblicata nel 1705) e il Tartufo, di cui si narra appunto la contrastata messa in scena, con qualche inserto di “teatro nel teatro”. Nel narrare i tentativi di intralcio della messinscena del Tartufo, Goldoni allude evidentemente anche alla propria lotta per la “riforma del teatro”, alla rivendicazione di un realismo al di là degli stereotipi, che svelasse le ipocrisie sociali.

Oltre a brani da Il Moliere la lettura si avvale anche di passi estrapolati da Le tartuffe di Molière e  dalle Mémoires di Goldoni.  Le musiche, tratte da opere di Lully, Couperin, Vivaldi, Galuppi preludono, accompagnano,  enfatizzano e chiosano il racconto dell’attore.

Ingresso libero su iscrizione completando il seguente modulo.

Torna in cima